Maglietta Corina

Benvenut* al primo tutorial dedicato agli iscritti alla newsletter!

Oggi voglio condividere con te la maglietta Corina, un modello semplice, facile da cucire e adatto a tutti i livelli.

Ti consiglio di leggere fino in fondo prima di cucire!

Iniziamo con la lista del materiale necessario:

  • Cartamodello Stampato. SCARICA QUI
  • Stoffa elasticizzata, tipo Jersey o cotone stretch poiché non ci sono aperture per far passare la testa. Minimo 1,50mt
  • Filo in poliestere
  • Ago per la macchina da cucire adatto (Jersey o per maglia)
  • Forbici, cutter, ecc

Per prima cosa stampate la pagina numero 22 che contiene il riquadro di prova. Dovete controllare che l’impostazioni della stampante non modifichi le misure del documento.

Una volta controllato, stampate tutte le pagine del documento PDF.
Vi consiglio di tenere la pagina con le misure, il modello e le taglie e mettere via tutti insieme in modo da avere tutto a disposizione se volete rifare il modello più avanti.

Preparate nastro adesivo (meglio se trasparente opaco), forbici e metro.

Tenete questa stampa a portata di mano per sapere come unire i pezzi. Iniziate dal foglio n.1

Come vedete lo sviluppo taglie si trova sulla stessa pagina. Se volete tenere l’originale ricalcate la taglia desiderata sulla carta velina.

Tagliare seguendo la linea tratteggiata oppure sovrapporre le linee e bloccarle con il nastro adesivo.

Con molta attenzione e pazienza, fate combaciare le linee.

Per sapere quale taglia seguire, guardate la tabella misure e scegliete quella più vicina alla vostra corporatura.

Ricordate che quando si lavora con tessuti elasticizzati il cartamodello sarà più piccolo di qualche cm rispetto alle nostre misure.

Lavare a 30° e una volta asciutta stirare a bassa temperatura (l’elastane non gradisce le alte temperature)

Piegare la stoffa a metà e posizionare il davanti e dietro sulla piega.
Per chi non parla inglese FRONT vuol dire DAVANTI e BACK vuol dire DIETRO

Per risparmiare stoffa, potete tagliare un pezzo alla volta, cosi eviterete degli sprechi tra un pezzo e l’altro. Dovete semplicemente piegare per la larghezza del cartamodello che dovete tagliare.

La linea dritta con le due frecce è il dritto filo, questo significa che dovete piazzare il cartamodello parallelo alla cimosa oppure la piega.

Con l’aiuto del centimetro misurate dalla cimosa (o piega) fino alla linea D.F. Riportate la stessa misura su tutta la lunghezza della linea.

Aggiungere il margine di cucitura tutto intorno.
Il margine varia in base alla larghezza della cucitura che volete realizzare.

Ad esempio, io ho cucito con la tagliacuci e la larghezza del punto è di 0,7cm perciò il mio margine è di 0,7cm tranne per gli orli, dove ho aggiunto 1,5cm.
Se invece utilizzate la macchina lineare (o casalinga) aggiungete 1 cm di margine e vi consiglio di abbassare il margine a 0,5cm (quindi tagliare una parte) dopo che avrete cucito.
Vi sconsiglio di rifinire con lo zigzag il jersey.

Realizzate dei piccoli tagli a V sulla piega e un piccolo taglio di pochi millimetri (non superate mai il margine di cucitura) con la punta delle forbici. Segnate in questo modo, oppure con il gessetto, tutte le tacche e centro che trovare su tutti i pezzi.

Le tacche si spostano sul cartamodello in base alla taglia. Fate attenzione a seguire sempre lo stesso stile di tratteggiatura.
Se non è chiaro quale sia il diritto e rovescio della vostra stoffa, segnate con il gessetto il rovescio scrivendo “DI” sulla stoffa sia subito sotto il cartamodello e anche sul lato contrario (quello che tocca il tavolo)

Unire per primo il davanti con il dietro, facendo combaciare le tacche.
Se utilizzate la taglia e cuci vi consiglio di imbastire prima con la macchina impostando il punto più LUNGO a disposizione.

Utilizzare un ago con punta stondata (round ball) oppure uno specifico per jersey e lo riconoscete perché di fianco al codice trovate la parola SUK.
Il punto da utilizzare con la macchina dipende da cosa avete a disposizione.

Potete utilizzare un punto stretch (piccolo zigzag in diagonale) punto rinforzato (fa avanti e indietro) o lo zigzag stretto e lungo in modo che dall’esterno non si veda troppo la distanza tra una punta e l’altra.
Con la tagliacuci vi consiglio il punto overlock a 4 fili.

Vi consiglio di provarla e stringere se necessario.

Passiamo alla fascia sul fondo (bottom band). Unire i due pezzi, dritto contro dritto, e cucire seguendo il margine di cucitura.
Piegare a metà con il diritto verso l’esterno.

Far coincidere le tacche centrali della fascia con quelle della maglietta, dritto contro dritto, e le cuciture insieme alle cuciture laterali della maglietta. Spillare e/o imbastire.

Cucire tutta la circonferenza e se necessario potete stirare, a bassa temperatura, con il margine verso il basso..

Segnate bene le tacche sul giromanica. Due tacche indicano il dietro e una tacca il davanti. Piegare con il rovescio verso l’esterno e cucire seguendo la lunghezza manica. NOTA: fate attenzione a cucire le maniche in modo che ci sia un destro e un sinistro

Spillare la manica alla maglietta, prima dalle tacche (davanti, dietro, centro) dritto contro dritto.

Per l’effetto bombato in alto avete due opzioni:
1. Creare delle pieghe sul colmo manica
2. Creare una arricciatura con la macchina, da tacca a tacca (le tacche cerchiate con la croce) e arricciare finché non coincide con il colmo manica della maglietta.

Vi consiglio vivamente di imbastire prima di cucire a macchina.
Cucire girando con attenzione la manica ed evitando di formare pieghe o prendendo dentro altri pezzi di stoffa.

Per il polsino (CUFF) tagliate due pezzi per stoffa. Cucire i laterali e piegare a metà con il dritto verso l’esterno.

Unire alla manica, dritto contro dritto, e imbastire.

Cucire dall’interno, con molta attenzione e calma, girate un po’ alla volta.

Per la fascia del collo (NECKBAND) tagliare solo 1 pezzo sulla piega. Cucire il laterale e piegare a metà con il dritto verso l’esterno.

Unire alla scollatura spillando prima le tacche centrali.
La fascia del collo è più stretta rispetto alla circonferenza collo della maglietta, quindi tra una tacca e l’altra dovete tirare leggermente la fascia in modo da cucirla leggermente in tensione.
NOTA: NON dovete tirare come quando si cuce l’elastico.

Modifiche!

Ho realizzato delle piccole modifiche per rendere il modello più adatto al mio stile.
Ho abbassato la fascia del collo (solo 1 cm a vista) e accorciato la manica togliendo il polsino.

Per rifinire l’orlo della manica ho utilizzato l’ago gemello e un punto decorativo (zigzag tratteggiato)
Vi consiglio di guardare il manuale distruzioni della vostra macchina per sapere se ha questa possibilità.
NOTA: anche l’ago gemello deve avere il codice SUK

Per prima cosa segnate il margine da rigirare (il mio è di 2cm) Piegate il bordo e trovate un punto di riferimento in modo che il secondo ago (quello a SX) sia vicino al taglio vivo. Attenzione a non tirare la stoffa durante la cucitura, altrimenti farà delle onde.

Scegliete il punto che più vi piace, dritto, zigzag, decorativo,ecc. L’importante è provare che l’ago non tocchi mai il piedino. Questo ago è molto delicato e si rompe facilmente.

Conclusione

Ho seguito la taglia 8 e su di me (86 seno, 73 vita, 95 bacino) è molto larga la manica, invece circonferenza seno e fianchi vanno bene. Le lunghezze sono sempre da modificare (forse perché sono alta come un bambino di 10 anni….) quindi controllate prima di tagliare la stoffa!
È un modello classico, semplice che con una bella stoffa sarà adatta a tutte le stagioni, sicuramente la rifarò.

Fatemi sapere cosa ne pensate e condividete via email a info.cucito@pm.me o via Facebook o Instagram @indossala.tuaidea i vostri risultati!